Il mio primo sondaggio...chi vuole partecipare?

10:16




È un pò che mi frulla nella testa questa cosa... mi piace proprio tanto mettermi ai fornelli, ma se un giorno lo dovessi fare per lavoro mi piacerebbe ancora così tanto?
Spesso si dice che le passioni devono restare solo passioni, che il lavoro è un'altra cosa, che sarebbe meglio tenerlo fuori dalla vita privata (passioni comprese!).... ma ho conosciuto gente che della propria passione ha fatto il proprio lavoro e ne è soddisfatta al 100% e non tornerebbe mai indietro!
Allora ho pensato di chiedervi come la pensate su questo argomento...

Se vi va ho aperto un sondaggio, lo trovate nella sidebar!

Potrebbe interessarti...

10 golosi

  1. Se potessi lo farei eccome... senza pensarci un'attimo, dovresti saperlo!! dai che apriamo insieme un ristorantino... un bacio

    RispondiElimina
  2. Dai dai apriamolo....facciamo a metà strada??? he he o molliamo tutto e ce ne andiamo a stare al mere o in Toscana?? Volo basso io !!!! :-)

    RispondiElimina
  3. bella domanda :-)
    io ho fatto della mia prima passione (l'architettura) un lavoro, e sono parzialmente soddisfatta... la mia seconda passione (non per importanza: a parimerito!) pe ora resta quella che è, ma ammetto di averci pensato.. ;-) in realtà sì, ho paura che poi succeda quel che è successo alla prima: si è intorbidita di problemi, burocrazia inutile, normative assurde, ignoranza.... mmah! però penso che nella vita ci vuole il coraggio di fare delle scelte, ponderate sì ma anche dettate da un sano istinto. chissà... :-)

    RispondiElimina
  4. ecco una che ha fatto del proprio lavoro una passione, e si io questo lavoro lo detestavo, ma piano piano me ne sono innamorata.. il fatto è che a casa ci si diverte sicuramente di più... e quindi ogni tanto scapperei volentieri dalla cucina del ristorante.

    RispondiElimina
  5. Ciao!
    ho conosciuto il tuo blog per la pagina di Cavoletto e mi piace tanto!! Bellissime le foto :]
    Anch'io sono appassionata di foto e cucina. Il mio blog in italiano ha pochi giorni di vita... se ti interessa c'è anche quello in spagnolo (http://bastet30.livejournal.com)
    Un beso!
    Ah! io sto cercando di far diventare lavoro la mia passione però non è facile ed ho anche i miei dubbi... vediamo :D

    RispondiElimina
  6. ecco un blog che promette bene...
    ciao, mi presento sono francesco e ti faccio i miei complimenti per il tuo gusto ed un "in bocca al lupo" per questa tua nuova avventura di foodblogger!
    Continua, sei brava!
    Visitami
    Francesco

    RispondiElimina
  7. Ciao! Ho visto che sei passata da me e ti rendo la visita con vero piacere, questo tuo blog è davvero bello!
    A proposito del sondaggio, io ci ho messo anni per decidere di mollare un lavoro sicuro (dipendente pubblica) e mettermi a fare quello che mi piace... non è facile, sotto molti punti di vista. Ma se capita di averne la possibilità, perché non provare?

    RispondiElimina
  8. intanto complimenti per il blog! ho letto il tuo profilo e per me è la stessa cosa, per quanto sia stanca per il lavoro mettermi a cucinare è sempre rilassante e persino rivitalizzante!
    quanto all'argomento del sondaggio ti dico questo: a me lo hanno proposto,in modo semi-serio,ma ho ancora troppa poca esperienza e non mi sentivo all'altezza;se avessi deciso di buttarmi forse ce l'avrei fatta e forse no,ma per me la cucina è bella e magica proprio perchè è sinonimo di libertà,libertà che trasformando la passione in lavoro, perderei...
    solo se mi si offrisse la possibilità di diventare come Cavoletto,per cui il blog è un po' un lavoro,ma sempre un blog resta, allora forse proverei...ma un ristorante no davvero! (scusa sono sempre prolissa!)

    RispondiElimina
  9. Lo farei se ne avessi l'occasione!! votato!
    ciao
    Grazia

    RispondiElimina
  10. No, no non lo farei, mi piace cucinare per passione ma chiudermi in cucina per lavoro no!
    vado a votare :)
    baci
    Cla

    RispondiElimina

© Claudia Gargioni. Powered by Blogger.
Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice Claudia Gargioni, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.