Come resistere al gnocco fritto?

19:02




Io impazzisco letteralmente per questo "pane".
Questa golosità cambia nome in base alla zona; Nella provincia di Bologna viene chiamato "sgonfiotto" o "tigella", nella provincia di Parma "torta fritta", in quella di Ferrara "pinzino" e nel modenese "pasta fritta". Insomma nomi diversi ma stessa sostanza!
Alcuni mettono il lievito, altri usano la birra, io ho usato l'acqua frizzante e sono venuti un spettacolo!

Ingredienti:
300 g circa di farina
2 cucchiai di sale
1 bicchiere e mezzo di acqua frizzante
3 cucchiai di olio evo
olio per friggere

Si impasta tutto velocemente finché la palla avrà una consistenza compatta ma elastica. Eventualmente aggiungere farina o acqua.
A questo punto lasciare riposare l'impasto per 20/30 minuti coperto da un canovaccio.
Trascorso il tempo necessario, tirare una sfoglia alta 3 millimetri e con la rotella dentellata ritagliare dei rombi.
Friggere i rombi (un paio per volta!) in abbondante olio caldissimo (meglio sarebbe utilizzare lo strutto) e aspettare che si gonfino (ci vorranno pochi secondi), farli dorare su entrambi i lati e lasciarli ad asciugare su carta assorbente da cucina.
Servire caldi con salumi misti. Mangiare rigorosamente con le mani :-)

Potrebbe interessarti...

23 golosi

  1. Post FA-VO-LO-SO!

    soprattutto perchè mi ricorda lo gnocco fritto che preparava un tempo mia nonna!

    Rubo la ricetta e ti farò sapere...
    Grazie

    Michelangelo

    RispondiElimina
  2. infatti tutte le volte che sono capitata a ferrara ecc.... dire abbuffarsi è poco adesso che ho la ricetta provo a farli x non sono bravissima a friggere buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  3. Buooonooo! Da noi in Liguria si fanno ripieni di formaggio, tipo crescenza.
    Ciauuu

    RispondiElimina
  4. Che buoooooooni.... A me piacciono da morire anche ripieni di stracchino!... Slurrrrrrp

    RispondiElimina
  5. Adoro lo gnocco fritto, Tra due settimane sarò a Carpi, sicuramente farò man bassa!gnammy

    RispondiElimina
  6. Vietato resistere!! Mi abbandonerei allo gnocco con sommo piacere. Buona giornata!

    RispondiElimina
  7. Grazie, grazie, grazie, grazie ...... questo posto è da incorniciare!

    RispondiElimina
  8. come resistere? cedendo! ahahah :-)

    RispondiElimina
  9. Non si può resistere ad una simile tentazione. Sbavo! Ciao, Alex

    RispondiElimina
  10. ...e leccarsi le dita direi!!io ne faccio uan scorpacciata quando posso..è una cosa incredibile!!

    RispondiElimina
  11. Precisazione: a Modena si chiama "gnocco fritto", a Bologna "crescentina"!!!!

    RispondiElimina
  12. aaaaaaah, divino :)
    una postilla: io sono di modena e qui si chiama gnocco fritto..pasta fritta non l'ho mai sentito :-o ;-)
    detto esclusivamente SCORRETTO ossia IL gnocco fritto ahah!
    che fame, sigh.

    RispondiElimina
  13. meraviglia!! me ne parlava proprio l'altro giorno un amico, ricordando gli anni che aveva trascorso a Modena; diceva che le cose che gli mancano di più sono lo gnocco fritto (che però sa fare egregiamente, pare,ma non me lo ha mai fatto assaggiare!!!) e il vero aceto balsamico.

    RispondiElimina
  14. mmm...mi viene l'acquolina!
    Io li ho provati una volta sola ma ricordo ancora quanto erano buoni!
    Grazie per la ricetta...li proverò!

    RispondiElimina
  15. Adoro il gnocco fritto! La Tigella però (secondo me, ma qualche emilano DOCG lo confermerà) è tutt'altra cosa, non è fritta ma cotta in un'apposita piastra. Poi sull'appennino fanno pure il borlengo, altra delizia. Complimenti per il blog, per le splendide foto e per il nome. Come resistere ad un gatto goloso?
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  16. Tutte le volte che vedo lo gnocco fritto mi dico che devo farlo anche io....ma poi perche' non lo faccio mai ???? Ora lo segno davvero e settimana prossima (dopo il controllo dalla dietologa) lo voglio preparare e pappare. Ciao e complimenti per il blog.

    RispondiElimina
  17. Buonissimo !!! CIao
    http://ricettedafairyskull.myblog.it/

    RispondiElimina
  18. le due more piadineria -gastronomiavenerdì, 30 maggio, 2008

    ciao..complimenti a te e al tuo gnocco fritto , sembra molto buono.

    però non sono convinta che sul bolognese lo chiamino tigella , perchè le tigelle sono quelle piccole rotonde che assomigliano a mini panini e non sono fritte..credo si chiami crescenta o crescentina.

    cmq adesso ho visto che alcuni bolognesi e modenesi hanno corretto anche loro.

    io sono reggiana e quindi qui è il gnocco... cmq brava

    RispondiElimina
  19. Io sono di Modena e che dire.... *ç*
    Sinceramente non so come faccia la gente che non l'ha mai mangiato!!
    Davvero a Bologna si chiama anche crescentina?? Da noi le crescentine sono le tigelle XD

    @Sere: Gnocco fritto con lo stracchino?????? O_O
    Meglio con la mortadella -^^-

    RispondiElimina
  20. necessita di verificare:)

    RispondiElimina

© Claudia Gargioni. Powered by Blogger.
Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice Claudia Gargioni, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.