Radici di Soncino

11:00


La scorsa domenica si è svolta la 42esima sagra delle Radici di Soncino.
Molti di voi non sapranno nemmeno cosa sia, che aspetto abbia e dov'è Soncino.
Allora, Soncino è un borgo tranquillo, con molte testimonianze storiche ed artistiche come l'imponente Rocca Sforzesca, le Chiese e i palazzi. Si trova in provincia di Cremona al confine con la provincia di Brescia.

Ma ora vi vorrei descrivere questa radice...
È una verdura tipicamente invernale, prodotta solo in questa zona purtroppo ormai da pochissimi coltivatori, ha un sapore amarognolo piuttosto forte e si consuma sia cruda che cotta e condita con olio, sale, limone o aceto.
Dalla cottura al vapore si ricava un infuso di un bel colore giallo fieno da bere come bevanda depurativa (una volta al giorno) per intestino e fegato. Certo il sapore non è dei migliori, ma fa bene e credo possa bastare!
Queste radici stanno scomparendo anche dal territorio in quanto oltre ad essere amare non incontra i gusti dei giovani di oggi...
Le radici aiutano a smuovere il metabolismo, aiuta la diuresi, favorisce la digestione e aiuta a cicatrizzare i tessuti ed è ricco di vitamine del gruppo B e C.
Ah... fa fare tante puzzette! ih ih :-)

Vi indico un paio di ricette nel caso rusciate a trovarle e vi venga voglia di provarle!

Radici lessate
Raschiare e tagliare a pezzetti o rotelline. Aggiungere un po' d'aceto nell'acqua bollente, il sale ed immergere le radici. Trascorsi 15 minuti circa scolare e condire con un po' di olio e limone; aggiungere a piacere prezzemolo ed aglio tritato.

Grappa alle radici
Lasciare macerare per due o tre mesi pezzi di radici crude con grappa di buona qualità. Distillare l'infuso per capillarità. Aggiungere ad ogni litro di grappa un cucchiaio di miele per amalgamare il gusto.

Potrebbe interessarti...

25 golosi

  1. Se ti può consolare, l'ho beccato con facilità sia a Mantova che all'Esselunga a Milano (che, in effetti, stanno proprio ad est e ad ovest di Cremona...).
    Non l'ho mai preso per l'incubo puzzetta vestita (...), ma ne sono curiosa da sempre.
    A questo punto dovrò farmi coraggio e sfidare gli effetti collaterali...

    RispondiElimina
  2. Non conoscevamo questa radice, ma le sue proprietà bneefiche ci interessano molto.
    Faremo uan ricerchina per vedere se si trova dalal nostr parti!!
    Grazie delle dritta!!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Alla mia mamy piacciono un sacco ... e ricordo che da piccola quando le cucinava a me non piacevano per via del sapore molto amaro. Forse adesso riassaggiandole... si sà che tanti sapori quando si è grandi si impara ad apprezzarli...però è vero che hanno questi effetti collaterali ben noti... hihihihi!!!

    RispondiElimina
  4. Anche per me queste radici sono illustri sconosciute ... sino al tuo post! :-)

    RispondiElimina
  5. Gli effetti collaterali si fanno ehm come dire... sentire! :-)
    Ma ne vale la pena anche solo assaggiarle...è una radice che raconta di tempi lontani, di contadini e di povertà... sarebbe un peccato perderla per strada...

    RispondiElimina
  6. Bellissime! mi metto in cerca immediatamente...
    Maite (lacucinadicalycanthus)

    RispondiElimina
  7. sono sicura di non averla mai assaggiata... speriamo che non se ne perda la tradizione!

    RispondiElimina
  8. Stessa situazione di Cipolla: una mamma che le adora, mentre io ho sempre fatto tanta fatica a mangiarle, per via del sapore amaro.
    Prima o poi ci riproverò :D

    @Manu e Silvia, dalle nostre parti d'inverno si trovano facilmente presso quasi tutti i fruttivendoli

    RispondiElimina
  9. ciao.. volevo chiederti che programma usi per fare le foto e scriverci sopra.. grazie in anticipo

    RispondiElimina
  10. Sono un cultore del soncino ed io seguo questa prassi per la preparazione:
    Pelo le radici con il pelapatate come fossero carote, poi le lesso a tocchi nell'acqua salata. Una volta scolate le taglio a rotelle, così rivelo i filamenti interni più duri che levo facilmente e le condisco con aglio schiacciato, olio, aceto e un cucchiaino di zucchero per ogni chilo, così tolgo loro l'amaro e diventano veramente gustose! Manivo

    RispondiElimina
  11. Le Radici di soncino noi le mangiamo così: una volta lessate le spdelliamo con alio di oliva e alio. Sono buonissime.
    Ugo Lonardi - Pescantina Verona

    RispondiElimina
  12. riparte la stagione! una goduria!
    ciao
    Ale

    RispondiElimina
  13. mi dispiace assai, ma appena fatte non le ho proprio apprezzate: solo lessate e sevite con olio e limone non ce la fanno a coprire l'insopportabile amarognolo...
    e dire che ci avevo così sperato.

    RispondiElimina
  14. Le ho comprate per curiosità all'eurospar di Saronno. Poi ho letto questo blog.
    Se, come a me, non dispiace l'amaro, allora sono un piatto gustosissimo. Ottimo il consiglio di manivo per rimuovere la parte fibrosa centrale. All'inizio pensavo che ci fosse solo nelle radici più grandi. Invece può capitare anche nelle radici più piccole.

    Andrea - Lomazzo (CO)

    RispondiElimina
  15. dopo averle bollite le ho spadellate con un filo d'olio e un'abbondante grattata di parmigiano, vi assicuro che erano buonissime e l'amaro non si sentiva più :)

    RispondiElimina
  16. Siccome non amo le verdure cotte condite con aceto uso passarle in padella.
    Domanda: chi le coltiva in proprio può mangiare anche la foglie?

    RispondiElimina
  17. io le taglio a rotelle e le cuocio a vapore x 10 minuti in modo che non diventino troppo tenere[secondo me rimangono più gustose]poi le passo in padella con olio e aglio scaldato precedentemente,un aggiunta di sale e pepe e buon appetito...

    RispondiElimina
  18. Sono depurative, come del resto la cicoria dei prati (tarassaco) che si può trovare, tenera, da fine febbraio a inizio aprile. Sono convinto che oggi ancora più dei tempi passati, in cui queste radici costituivano un piatto invernale comune, abbiamo bisogno di depurarci!
    Paolo

    RispondiElimina
  19. A Roma per trovare le radici del Soncino si deve andare al mercato di Piazza Campo de'Fiori, tanto sono poco diffuse. Le mangio volentieri bollite, perché hanno comprovate proprietà depurative . A Imperia la chiamano scorzobianca, per distinguerla dalla scorzonera, che è dolce.

    RispondiElimina
  20. Abito a Padova e le mangio fin da bambino. Da queste parti si trovano facilmente.

    RispondiElimina
  21. Quante storie per un po' di amarognolo! A me piacciono in vece molto. D'inverno le trovo quasi sempre alla Coop. Sì, qualche scureggetta....Mario

    RispondiElimina
  22. Ciao, le avete provate tagliate a rondelle e fatte appassire in forno? Ci ho mescolato anche due patate a tocchetti e ho aromatizzato con curry e salvia. BUONE! Al forno diventano quasi dolciastre! Da provare.

    RispondiElimina
  23. naturalmente in forno con anche un filo d'olio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. provate e riprovate sia lessate che come contorno nel coniglio in casseruola(sempre dopo averle lessate) una vera prelibatezza, il retrogusto un po' amarognolo non stona affatto

      per gli effetti collaterali beh ..basta non pensarci, poi non sempre ci sono :)

      Elimina

© Claudia Gargioni. Powered by Blogger.
Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice Claudia Gargioni, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.