terrina di coniglio

11:00

Mi rendo conto che ultimamente sto "inventando" poco, e seguendo le ricette pari pari [o quasi]... ma il tempo è davvero poco, anzi pochissimo! Fortunatamente le giornate si sono allungate, [anche se qui non fa altro che piovere] e così posso preparare la cena con più calma e soprattutto posso godere ancora di quasi un oretta di luce al ritorno dal lavoro.... caspita quando si lavora il tempo non passa mai mentre una volta fuori dall'ufficio vola veloce veloce!

Questa è una ricetta presa dalla "cucina moderna oro" in questo periodo in edicola... come dicevo nel post precedente, non sono mai stata per terrine, patè e carne ripiena, ma non so per quale motivo ultimamente mi attirano... mah, forse perché ho assaggiato poco tempo fa a casa di un amico un patè di pollo "non pollo" cucinato da lui, era delizioso, era completamente fatto di pollo ovviamente [insieme a poca panna] ma il sapore era talmente delicato che quasi non sapeva di nè di pollo nè di patè... anzi di sale ce n'era davvero poco... dovrò farmi dare la ricetta!

Ingredienti:
300 g di coniglio disossato
80 g di burro
1 carota
1 costola di sedano bianco
1 cipolla non troppo grande
rosmarino e timo freschi
2 biccheri di vino bianco secco
1 cucchiaio di cognac
sale
pepe

Lavare ed asciugare le verdure e le erbe aromatiche. Tagliare le verdure sottili sottili e farle rosolare con l'olio in un tegame. Aggiungere la carne, farla rosolare e sfumarla con il vino; salare e cuocere per 30 minuti. A cottura ultimata lasciarla intiepidire. Tritare solo la carne [senza verdure nè aromi] con la mezzaluna o nel mixer.
Nel robot frullare il burro con il fondo di cottura ed il cognac. Aggiungere la carne tritata a questa crema e aggiustare di sale.

Trasferire il composto in una terrina, livellarlo con una spatola, coprirlo con della pellicola e mettere in frigo per almeno 3 ore. Servirlo con pane di segale o pane toscano abbrustolito.

Potrebbe interessarti...

12 golosi

  1. Mmmmmm come mi intriga sta ricetta.. a me non piace molto il coniglio, però magari fatto così.. chissà!!!!!

    RispondiElimina
  2. Hai ragione il tempo libero passa sempre troppo veloce....questa terrina mi intriga molto, sembra davvero squisita
    Un bacio
    fra

    RispondiElimina
  3. Bella questa terrina... moussosa! Ho idea che la farò nel fine settimana, grazie!

    RispondiElimina
  4. ma dai? che delizia? mi piace moltissimo, davvero. Brava!!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao! molto raffinata questa ricetta per il coniiglio! noi lo prepariamo poco perchè non incontra i gusti di tutti...ma così presentato merita sicuramente un'opportunità!
    bacioni

    RispondiElimina
  6. Adoro le terrine, e quella di coniglio è una delle mie preferite in assoluto!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  7. Sono davvero incuriosito anche perchè dalle mie parti il coniglio lo si mangia.. e per lo più ben arrostito o al massimo in umido.
    Quello che mi piace di questa ricetta è che non dovrebbe essere un pugno al fegato come altre terrine in cui è il burro l'ingrediente principale.

    RispondiElimina
  8. Sono lieta di aver scoperto il tuo blog, trovo sia molto carino, vi ho trovato molte buone ricette (piacevolissime anche le foto).
    In merito alle terrine, anch'io non le amo particolarmente, ma poco tempo fa in un ristorante di Lucca ne ho assaggiata una a base di cinghiale, al cui interno c'era anche del cioccolato: mi è rimasta nel cuore.
    La tua versione di coniglio sembra deliziosa, semplice e genuina. Magari ci aggiungerei una spruzzata di tè nero affumicato :-)
    A presto

    RispondiElimina
  9. Anche a me non attirano molto i patè ma la tua presentazione è davvero invitante.

    RispondiElimina
  10. Mi piace l'idea di preparare il coniglio in terrina: in epoca ante blog, ne ho preparata una con il pollo davvero interessante.
    Ciao

    RispondiElimina

© Claudia Gargioni. Powered by Blogger.
Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice Claudia Gargioni, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.