panna cotta alla barbabietola

13:00


Ho trovato questa ricetta sfogliando il libro "Panna cotta" [edito da biblioteca culinaria] e comprato la scorsa settimana a Genova.
La barbabietola l'ho sempre guardata con aria di disgusto, un po' per l'aspetto molliccio e viscidino, un po' per il colore e un po' per il classico abbinamento con l'aglio [elemento con cui faccio davvero fatica a rapportarmi] e prezzemolo... insomma, tutto questo mi ha sempre bloccata ...anche se, da quando lo scorso inverno ho preparato questi, l'ho decisamente rivalutata e oggi riesco addirittura a mangiala [quasi] senza problemi... ovviamente in porzioni limitate.
E ho anche scoperto [che scoperta eh] che sott'aceto è davvero golosa.

Ingredienti per 4 bicchieri [oppure 8 più piccoli]
Per la panna cotta:
200 ml di panna fresca liquida
200 gr di barbabietola cotta
4 g di gelatina in fogli
1 cucchiaio di succo di limone
la scorza di mezzo limone bio
sale, pepe

Per la gelatina:
200 gr di barbabietola cotta
200 ml di acqua
1 cucchiaio di succo di limone
la scorza di mezzo limone bio
3 gr di gelatina in fogli
sale, pepe
prezzemolo fresco

Mettere i fogli di gelatina in ammollo in acqua fredda per 15 minuti.
In una casseruola mettere la barbabietola tagliata a cubetti, la panna, il succo di limone, la scorza, sale e pepe. Scaldare lentamente fino a quando inizia il bollore. Togliere dal fuoco e lasciarla raffreddare un po [deve essere calda ma non bollente], poi frullarla. Strizzare la glatina necessaria e scioglierla nella panna aiutandosi con una frusta. Versare nei bicchierini, lasciarli raffreddare e, una volta freddi, riporli in frigorifero.

Per la gelatina:
Tagliare la barbabietola a dadini, condirla con il limone, la scorza, sale e pepe.
Sciogliere la gelatina restante in acqua calda. Lasciare intiepidire un poco.
Riprendere i biccierini dal frigo e versare in ogni bicchiere una dadolata di barbabietola e versarci sopra la gelatina. Riporre in frigorifero per almeno 2 ore. Al momento di servire tritare o decorare con qualche fogliolina di prezzemolo.

Servire con filetti di aringa affumicati e un'insalata.
Io l'ho mangiata con qualche filetto di aringa infarinato e fatto rosolare il minimo indispensabile in poco burro, ma è ottima anche con formaggi morbidi, non stagionati.

Potrebbe interessarti...

39 golosi

  1. Estou fazendo uma campanha de doações para meu projeto de minibiblioteca comunitária e outras atividades para crianças e adolesçentes na minha comunidade carente aqui no Rio de janeiro,preciso da ajuda de todas as pessoas de bom coração,pode doar de 5,00 a 20,00. Doações no Banco do Brasil agencia 3082-1 conta 9.799-3 Que DEUS abençõe todos nos.Meu e-mail asilvareis10@gmail.com

    RispondiElimina
  2. sembra delizioso, non so cosa darei per rubarne una cucchiaiata ;-D

    RispondiElimina
  3. Clap clap clap!
    Bellissima.
    Ha un colore davvero intenso, sembrano quasi ciliegie...

    RispondiElimina
  4. Anch'io ho quel libro e mi ha colpito molto questa ricetta...mi hai fatto venire voglia di provarla!

    RispondiElimina
  5. Ecco, come tu lo hai per l'aglio io ho un blocco per la barbabietola. Proprio quel sapore dolciastro non riesco a farmelo piacere, un po' come mi succede per la zucca (persino i famosi tortelli ferraresi non mi attirano). Magari però usata in un dolce che quindi DEVE essere dolce... le immaggini sono molto "vogliose".

    RispondiElimina
  6. wow che colore questa barbaietola!:)

    ciao
    vale

    RispondiElimina
  7. Una ricetta davvero bella per nobilitare la non proprio amata barbabietola. ha un aspetto davvero invitante! Bravissima
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  8. Appoggio incondizionatamente l'abbinamento barbabietola-aringa!

    RispondiElimina
  9. Purtroppo non riesco a vedere la foto, ma la ricetta mi intriga moltissimo. Io amo la barbabietola anche se non l'ho mai mangiata con l'aglio... per non parlare di quella in agrodolce!

    RispondiElimina
  10. Colore spettacolare, complimenti!

    RispondiElimina
  11. spettacolare! sono curiosissima di provare e sentirne il sapore. :)

    RispondiElimina
  12. Ho giusto un pò di barbabietoline in frigo che volevo usare per fare una torta...confesso che più che la panna cotta mi ispirano quelle sott'aceto che hai nominato... ^_^
    La prima volta che le ho mangiate le ho odiate, la seconda mi son piaciute e ora mi manca la terza ^_^

    RispondiElimina
  13. Bella foto!

    E,visto che personalmente nutro una certa simpatia per la barbabietola...che ricetta sfiziosa! :)

    RispondiElimina
  14. Anche io sono poco pro barbabietole, non mi fanno impazzire. Pero la panna cotta sì, la adoro! Da provare assolutamente!
    Bacioni

    RispondiElimina
  15. belli quei libricini, vero?? io li adoro :) a me la panna cotta piace tantissimo, infatti anch''io ho questo libro però non avevo considerato di fare questa ricetta... però se me la consigli..?? ;)

    RispondiElimina
  16. Sottoscrivo l'atteggiamento anti-barbabietola :-) eppure, ultimamente continua ronzarmi intorno... sempre a proposito di libricini, in quello dedicato ai Muffin (le ricette di Bob) viene, per esempio, grattugiata per ammorbidire l'impasto (e pare lo faccia in maniera sconvolgente)... il veterinario la consiglia per la cagnolina col mal di pancia :-P e gatto goloso, bè... :-O quindi le compro! ? N.

    RispondiElimina
  17. *virginia: il colore è davvero incantevole, è divertente mangiare qualcosa di così naturalmente colorato!
    *AG: siamo pari adesso... comunque questa panna cotta salata (ma dolce) è davvero buona abbinata a qualcosa d saporitissimo come il pesce.
    *mika: se per caso la provi, fammi sapere!
    *Erorina: si le edizioni di questa casa editrice sono davvero belle e interessanti, ci sono parecchie ideuzze e stimolano la fantasia.
    *Precisina: barbabietole per ammorbidire l'impasto? Questa non la sapevo, ma me la segno. Che bello curare il mal di pancia al cagnolino con la verdura! :-)

    RispondiElimina
  18. Quel sapore di terra tipico della barbabietola é qualcosa che non riesco proprio a superare.
    Non la odio, ecco, ma nemmeno la amo, ci puó stare ma solo in piccole quantitá.
    I colori di questi bicchierini peró sono incantevoli, meritano 10 e lode giá solo per quello!
    Baci!

    RispondiElimina
  19. odio profondamente la barbabietola ma questa foto (vista prima su flickr) è così bella e intensa che forse un cucchiaio della tua panna cotta l'assaggerei! Davvero, l'abbinamento con il verde poi la esalta tantissimo...

    RispondiElimina
  20. Bellissima e davvero inedita ricetta, mi farebbe davvero curiosità provarla, la barbabietola sai che io non ho mai avuto il coraggio di mangiarla? Ah ah, anceh a me fa impressione :) Baciii

    RispondiElimina
  21. yummy .. looks delicious :-)! XOXO

    RispondiElimina
  22. leggere l'intero blog, pretty good

    RispondiElimina
  23. quello che stavo cercando, grazie

    RispondiElimina
  24. molto intiresno, grazie

    RispondiElimina
  25. La ringrazio per Blog intiresny

    RispondiElimina
  26. molto intiresno, grazie

    RispondiElimina
  27. necessita di verificare:)

    RispondiElimina
  28. La ringrazio per Blog intiresny

    RispondiElimina
  29. quello che stavo cercando, grazie

    RispondiElimina
  30. La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

    RispondiElimina
  31. La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

    RispondiElimina
  32. Si, probabilmente lo e

    RispondiElimina
  33. La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

    RispondiElimina

© Claudia Gargioni. Powered by Blogger.
Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice Claudia Gargioni, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.