ciliegie sotto spirito

14:25

Adoro le ciliegie, sono così dolci e colorate! 
Da piccola le sfoggiavo come orecchini e, ammetto, che anche oggi a 31 anni suonati ogni tanto mi capita di ripetere la stessa scena :) Ma come è possibile resistere? Sembrano dei veri gioielli e in parte lo sono davvero. Sia per la salute che per l'estetica vera e propria.
ciliegie sotto spirito
Queste invece sono delle ciliegie difficili da mangiare in quanto sono morbide, acquose ma molto aspre. Sono selvatiche e sono la pappa preferita di molti uccelli. Un giorno mamma me ne ha portate tantissime e non sapendo cosa farci ho pensato di annegarle nell'alcool ;) 

Siccome la mia pazienza ultimamente è davvero scarsina, non mi è nemmeno passato per l'anticamera del cervello di mettermi a snocciolarle ma ho scelto la via più veloce e semplice: metterle intere nel vaso :)
ciliegie sotto spirito

Ingredienti:
500 gr di amarene mature ma sode
250 gr di zucchero
alcool q.b. a 90°

Lavare delicatamente le amarene e metterle ad asciugare su un canovaccio asciutto e pulito per qualche ora. Io l'ho fatto la sera prima di andare a letto e la mattina le ho messe nei vasetti. 
Sistemare le amarene in un vasetto di vetro premendo leggermente in modo che i frutti si incastrino per bene, aggiungere lo zucchero e coprire tutto con l'alcool fino a due dita dal bordo. Le ciliegie dovranno essere ben sommerse dall'alcool. Chiudere i vasi e lasciar riposare le ciliegie per un paio di mesi prima di godersele. Ricordarsi di controllare il livello dell'alcool di tanto in tanto e, se necessario, aggiungerne di nuovo.


Potrebbe interessarti...

20 golosi

  1. BUONISSIME le ciliegie sotto spirito... le adoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le ho mangiate pochissime volte, ma per queste sarà diverso, lo so già! :)
      Quest'inverno me ne farò una scorpacciata... ah ah ah!

      Elimina
  2. Le adoro anche io queste ciliege... sono una bontà unica

    RispondiElimina
  3. le ho preparate lo scorso anno, e poi quest'anno ce le siamo mangiate... anzi! se le sono mangiate, perchè per me alla fine erano tantissimissimo alcoliche! ;) bacino, sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti questa è la mia paura, che siano troppo alcoliche!! Però non perdo la speranza e attendo con estrema pazienza che si insaporiscano per bene :)
      L'inverno per ora è ancora troppo lontano :D

      Elimina
  4. queste sono come le marasche..ossia le amarene più chiare e asprigne! io le adoro! e poi son troppo sexy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il colore è molto bello! Si, credo siano una varietà simile... il vero nome non lo so, so che mangiarle in modo naturale è davvero durissima dal tanto che sono asprigne! Provo questa versione... poi staremo a vedere :D

      Elimina
  5. ...per un vasetto così farei...follie! Che meraviglia!
    simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo! Io ne ho fatti solo due... adesso devo solo aspettare e avere pazienza... :)

      Elimina
  6. Anch'io adoro le ciliegie, ma quelle più scure e dolci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche io amo quelle di Vignola per intenderci. Queste a mio parere sono difficilissime da mangiare senza "contorno" :)

      Elimina
  7. io le adoro proprio perchè sono aspre e dissetanti!!!mi ricordano la mia infanzia ,mia nonna aveva un grande albero di queste ciliegie(da noi si chiamano "marinelle")nel pollaio e io terrorizzata dalle galline dovevo lottare per arrivare fino al ramo...

    provale SCIROPPATE!!!!!una delizia dei sensi ...potrei mangiarmi un vasetto intero in pohi minuti! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io sciroppate ci ho messo le Vignola :) Ora purtroppo non ne ho più di queste selvatiche, ma il prossimo anno stai pur certa che seguirò il tuo consiglio... promesso :D
      Io invece faccio fatica a mangiarle "crude" :) È questione di palato e abitudine mi sa... grazie!

      Elimina
  8. Anch'io le mettevo come orecchini e come te lo faccio ancora ogni tanto!! beh a me piacciono...anche mangiate così dopo il caffè... buona serata

    RispondiElimina
  9. Mia madre le faceva sempre... io non ho mai provato. Però ora che ho la tua ricetta, magari chissà, provo!
    A.

    RispondiElimina
  10. wow, che ricetta facile! non le ho mai fatte, dovrei cogliere l'occasione! foto stupende come al solito...

    RispondiElimina
  11. Questa estate non sono riuscita ancora ad assaggiarne una :( la tua ricetta può essere un'opportunità di mangiarle in seconda battuta;-) a presto!laura

    RispondiElimina
  12. hanno un colore speciale :) e sono pure deliziose, come hai detto tu!

    RispondiElimina
  13. Le marasche! O almeno, da noi si chiamano così. Un mio amico le prepara in una maniera divina: zucchero, acqua e alcool. L'ultima volta che mi arrivato tra le mani un suo vasetto ne ho mangiato metà da sola!!! Troppo buone...Ciao

    RispondiElimina

© Claudia Gargioni. Powered by Blogger.
Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice Claudia Gargioni, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.