da Vienna a Budapest...in bicicletta!

14:22

Eccomi di nuovo qui con un post finalmente!
Il rientro l'ho passato fra scatoloni da riaprire, visto che mamma ha approfittato della nostra assenza per pitturarci casa, qualche scatto da fare per Alice Cucina, qualche tuffo in piscina e una giornata a Gardaland.

Quest'anno abbiamo pedalato da Vienna a Budapest passando (velocemente) per Bratislava. Una vacanza carina anche se con un po' di pasticci lungo il percorso.
Poche ciclabili, qualche albergo un po' fuori mano, tanto caldo ed era un evento più unico che raro trovare in Ungheria (salvo nelle città ovviamente) qualcuno che parlasse almeno il minimo indispensabile di inglese.
Abbiamo sempre fatto vacanze su biciclette normali, ma quest'anno, vista la stanchezza accumulata durante l'anno, abbiamo deciso di agevolarci la vacanza noleggiando delle bici elettriche a pedalata assistita, ma una delle due bici elettriche non ha mai funzionato a dovere fatta eccezione per un paio di giorni...quindi molta fatica nel portarsela dietro, ma fortunatamente la bici in oggetto non era la mia ma quella dell'uomo di casa che almeno un po' di muscoli in più di me li ha! :)


Siamo arrivati a Vienna in treno e come prima cosa ci siamo diretti al Prater.
Ci siamo divertiti come bambini, ci siamo sdraiati nel parco e abbiamo mangiato lo stinco più grande della nostra vita. Il tempo è stato bello per tutta la settimana, caldo e sole non stop.
Oltre al famoso Prater Vienna non mi ha lasciato molto, troppo sfarzosa, troppo "città", troppi pochi locali e negozi tipici (esclusi quelli attira turisti).

Uno dei momenti più simpatici della vacanza è stato incontrare un signore di Vienna che aveva fatto il tour del Belgio lo scorso anno, eravamo quasi sempre nello stesso albergo e vederlo lungo la ciclabile mentre lasciavamo Vienna è stato divertente! Ci siamo fermate a salutarlo e ci ha riconosciuto quasi all'istante. I casi della vita :)






Non c'è nulla da fare, le vacanze in bici mi lasciano sempre un gran bel ricordo, nonostante gli intoppi. Le vacanze tutto relax e tutto comfort non fanno per me, mi sentirei soffocare e mi verrebbe l'ansia. Adoro invece non sapere cosa mi aspetta il giorno seguente, non sapere dove mangerò, in quale albergo dormirò e nemmeno a che ora scenderò dalla sella. È una sensazione che mi piace, che mi fa sentire libera. Certo l'aiuto c'è, i bagagli non me li porto in spalla e c'è comunque un'agenzia dietro che nel caso di problemi è possibile contattare.







Abbiamo girato per l'Austria, la Slovacchia e l'Ungheria pedalando, in parte, lungo il Danubio.
Arrivare in barca (con sopra la bici) a Budapest è stato emozionante. È una città davvero splendida, viva e allegra. La sera sarei stata ore sul ponte ad osservarla tra le mille luci che si riflettevano nell'acqua. Bella, bella, bella.
Ci siamo regalati le terme al famoso Gellert, abbiamo mangiato il Gulash e ci siamo sistemati un po' lo stomaco (scosso da 6 giorni di wurstel, salsicce, stinchi, patatine e cordon bleu) in un ristorante greco.




L'estate sta finendo finalmente e io ho una voglia matta di autunno, di alberi spogli, di fresco e di vento. Questo per me sarà un autunno diverso dal solito, niente ansia da rientro in ufficio (visto che un lavoro non ce l'ho più), niente sveglie quotidiane, niente routine e niente più ansie la domenica.
Questo autunno avrà il sapore di casa, di torte di mele, di caminetto acceso e di relax. E io non vedo l'ora che questa lunga e caldissima estate se ne vada un po' a dormire :D

Potrebbero interessarti anche questi vecchi post:
Il Belgio in biciletta
Da Costanza a Friburgo in bici 

Potrebbe interessarti...

25 golosi

  1. Che bello! Noi abbiamo rifatto per terza volta il tratto prima, da Passau a Vienna.
    Confermo, faceva un gran caldo. Mai visto da quelle parti, la prima volta il Danubio era addirittura in piena.
    Mi spiace per i problemi con la bici elettrica. Ma quindi la ciclabile così perfetta fino a Vienna dopo diventa strada?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maddai! Anche voi bici vacanzieri? :)
      Noi non l'abbiamo ancora fatto quel tratto, ma è un po' che lo teniamo d'occhio...ci dicono tutti che è la ciclabile più bella d'Europa quella! Prima o poi la faremo :)
      Le ciclabili ci sono anche in Slovacchia, ma c ne sono moolte meno in Ungheria...alcuni tratti li abbiamo fatti su strada (a basso scorrimento che in realtà era piuttosto trafficata) purtroppo!
      Magari ci si vede in giro in bici :D

      Elimina
  2. sììì, cacciamola via questa estate!!! :D
    proprio bello il reportage, anche io preferisco queste vacanze in libertà...si scoprono posti meravigliosi!
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, posti belli, poco battuti dai turisti e che non si vedrebbero mai in una vacanza "normale"...questa è la cosa che mi piace! E poi pedalo, mi tengo in forma (per quanto possibile viste le cene) e soprattutto non inquino :D

      Elimina
  3. wow. dev'essere stato faticoso ma sicuramente molto molto bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faticoso più che altro per le bici che non facevano il loro dovere diciamo... se avessimo avuto la bici normale sarebbe stato moolto più leggero :)
      Te lo dice una che di sport non ne fa e che l'unica volta che usa la bici è in vacanza :D

      Elimina
  4. Oh beh, per trovare gente che non spiccica una parola d'inglese (tranne nella capitale) non devi andare molto lontano: basta svalicare in Francia ;)
    Anche a noi la gita al Prater era piaciuta moltissimo!
    Le tue foto sono bellissime, come sempre... Provo a pensare a cos'è che le rende così belle e non saprei dirlo: forse semplicemente il fatto che sei capace ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, oddio, se penso alla maggior parte della gente dei paesini qui vicini non saprebbero nemmeno di ciao in inglese...e non sto parlando solo degli anziani eh, ma anche dei giovani! Quindi quello un po' ce lo aspettavamo, ma la cosa assurda è che ci è capitato persino alla reception di un paio di alberghi...li ti girano un pochino!
      Si, il Prater è stato divertentissimo tant'è che ci siamo tornati un paio di ore prima di riprendere il treno per Milano :)
      Ma grazie per i complimenti alle foto!! Io mi diverto a farle, potrebbe esser questo il segreto? ^_^

      Elimina
  5. ma che forti le vacanze in bici adesso mi guardo anche gli altri post a tema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sono divertenti e pure faticose a volte, soprattutto se ci si mette la pioggia o il solo troppo caldo. Ma garantisco che 50 km al giorno li possono fare tutti se ce la faccio io :D

      Elimina
  6. Noi siamo appena tornati dalla Ciclabile dell'INN.. che meravigliai le vacanze in bici! Le adoro e che bello trovare altre persone con cui condividere queste esperienze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? È piatto o non molto? Perchè il fatto che confina con la Svizzera mi mette un po' di agitazione per le salite :)
      Che bravi che siete stati!!!
      Anche noi ci divertiamo così...poco turismo, bei posti, un po' di attività fisica e cena senza sensi di colpa :D

      Elimina
    2. Noi siamo partiti da Landeck e dopo i primi 100 km le salite sono diminuite. Sulle cartine e nei siti web dicono che la ciclabile è in pianura, ma in realtà ci sono parecchie salite anche se sono facilmente superabili (nei casi estremi) come faccio io: scendo e la porto a mano! (calcola che cmq sono sempre salite molto molto brevi!)

      Elimina
  7. Che bella vacanza e che foto meravigliose!Anch'io sogni una vacanza in questi termini, magari il prossimo anno!
    Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, prova a farla! Vedrai che ti piacerà e poi non riuscirai più a farne a meno :)

      Elimina
  8. Ma dai...che meraviglia! Sai che quest'anno ho sentito tantissime persone che hanno fatto le vacanze così, per non parlare di quanto ho visto in giro per le strade carichi come muli (non invidiavo per nulla). La tua vacanza mi entusiasma un sacco, mi piacerebbe l'anno prossimo provarci. Ciao ciao

    RispondiElimina
  9. Che belle vacanze! Sei super sportiva allora, io sarei scesa con il sedere quadro :-) Che posti meravigliosi! Baci

    RispondiElimina
  10. ti ammiro:
    per la vacanza
    per la bici
    per la capacità di fare valigie taglia XS
    ;-)

    RispondiElimina
  11. ti ammiro:
    per la vacanza
    per la bici
    per la capacità di fare valigie taglia XS
    ;-)

    RispondiElimina
  12. Ma pensa te... Io cado dalla bici pria ncora di esser uscita dal cancello di casa! Hai presente queele persone otalmente negate? Eccomi!!! Che bel viaggio, però, molto interessante, pieno di scoperte! Bel reportage e fantasticge foto!

    RispondiElimina
  13. Bentornata! Il tuo viaggio mi sa di impresa titanica. :-) Io non riesco a fare in bici neppure il tragitto casa-supermercato, figuriamoci un'intera vacanza. Però quando sono su un'isoletta di quelle che circondano la mia Sicilia, allora sì che pedalo volentieri, forse perché in questi casi ci sono poche o nessuna macchina e tutto mi sembra molto più rilassante e rilassato. I complimenti per le foto...e che te li faccio a fare?!! ;-)

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia! E' un tipo di vacanza che mi ha sempre intrigato, spero di riuscirne a fare una del genere anch'io, prima o poi :)

    RispondiElimina
  15. Ma che bello!!!! Noi quest'anno abbiamo appeso le bici al chiodo e abbiamo cambiato genere, ma le due ruote ci sono mancate un sacco per cui credo che l'anno prossimo recupereremo! Foto sempre strepitose!!!!

    RispondiElimina
  16. Meraviglioso. Non mi viene da aggiungere altro.

    RispondiElimina
  17. Davvero una vacanza alternativa...mi piacerebbe davvero fare una esperienza del genere, a contatto con la natura :D davvero bello...

    RispondiElimina

© Claudia Gargioni. Powered by Blogger.
Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice Claudia Gargioni, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.