panna cotta al té nero e miele

13:31

Due post a settimana, è un miracolo, diciamocelo dai!! 
Calcolando che sono presa da mille e mille impegni che si mescolano fra lavoro e piacere ecco che fra tutte le svariate cose da fare ho trovato il tempo per fare un dolcetto, ieri a mezzanotte, per oggi, san Valentino. Una festa che non ho mai festeggiato, che non ho mai sentito mia, che non ho mai voluto considerare... quest'anno invece ci ho voluto provare, con una semplicissima panna cotta profumata al tè nero, in assoluto il mio preferito fra le varietà di té. Chi non ha mai aggiunto una goccia di latte a del té? Io da quando sono stata a Dublino, parliamo di circa 15 anni fa, e ho scoperto questo piacevole mix di sapori non ne ho più potuto fare a meno... il più delle volte bevo un classico tè nero, con poco zucchero o miele e una spruzzata, non sempre, di limone; ma quando ho in frigorifero del latte aperto non posso resistere nel farci cadere qualche goccia in una tazza bollente di té e ammirare, con piacere, il colore ambrato che da brillante e limpido diventa torbido... per poi gustarmelo sul divano davanti al caminetto o davanti al mac. 
Così ecco come è nata questa panna cotta, in rete se ne trovano tante versioni soprattutto con il té matcha (che non ho mai avuto il piacere di assaggiare), semplice, dolce e golosa come solo una panna cotta sa essere. 

panna cotta al té nero e miele


Ingredienti rigorosamente per due:
200 cl di panna fresca
30 g di zucchero 
4 g di gelatina in fogli (2 fogli)
2 misurini di tè nero (oppure 3 bustine)
miele q.b.

Mettere la gelatina in ammollo in acqua fredda per almeno 10 minuti.
In un pentolino scaldare la panna, lo zucchero e il tè in un filtro (o nelle bustine), portare quasi a ebollizione e spegnere. Fuori dal fuoco incorporare la gelatina ben strizzata e versare nei bicchierini. Riporre in frigorifero per due/tre ore. (io li ho messi direttamente sul davanzale della finestra, coperti, per tutta la notte).
Prima di servire versare qualche cucchiaio di miele.

panna cotta al té nero e miele
Se non avete ancora pensato ad una decorazione per stasera, basterà prendere dei rametti secchi, in giro se ne trovano tantissimi in questo periodo, metterli in un vasetto e aggiungerci dei tag con scritto "Ti Amo" o tanti cuoricini rossi di carta. Semplice, velocissima (ci ho messo meno di 15 minuti) e romanticissima! Non mi resta che augurarvi buon San Valentino a questo punto ;)


Potrebbe interessarti...

9 golosi

  1. che splendide immagini mia cara...fantastiche davvero...i miei complimenti!
    un bacio

    RispondiElimina
  2. come mai io sapevo già dal titolo che tutto sarebbe stato così bello e soprattutto sciccoso? anche io non amo festeggiare san valentino, anche se qui da te è così elegante che potrei fare tranquillamente un'eccezione... ;)

    RispondiElimina
  3. scusa, ma nella ricetta dove è il the?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm scusaaaa! :D
      Messo... ah ah ahhhh!
      Grazie per la segnalazione...

      Elimina
  4. Ma che bella ricetta,
    che belle foto... e che bei rami ;)

    RispondiElimina
  5. Io sono tra quelle che non hanno ancora assaggiato non solo il tè matcha, ma nemmeno mai il latte nel tè. Non mi ha mai attirato molto, al contrario di questa panna cotta invitantissima. Ci tufferei immediatamente il cucchiaino dentro :D
    Bellissima anche la decorazione coi rametti.

    RispondiElimina
  6. Io invente lo festeggio eccome!!! Qualsiasi motivo è valido per aprire un bottiglia, accendere i fornelli e preparare la tavola...eheheh

    Grazie per l'idea del vasetto, molto sfiziosa!

    Un bacione

    RispondiElimina
  7. Ciao Claudia, il tuo stile è molto fresco e le foto così luminose mi piacciono molto! Tutto bello!

    RispondiElimina
  8. Io l'ho provata con il thè alla violetta... :-)

    RispondiElimina

© Claudia Gargioni. Powered by Blogger.
Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice Claudia Gargioni, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.